PROGREMU

Musicology of Electroacoustic Music [MEM]  > 

Teoria schaefferiana

 ]

La composizione musicale è un processo complesso che combina attività differenti tra loro. Tradizionalmente, discipline come l’armonia, il contrappunto e l’orchestrazione sono state viste come aree distinte, sebbene correlate. Ognuna di queste è caratterizzata da sistemi predeterminati di classificazione e organizzazione. Tuttavia, nell’ambito dello studio elettroacustico tali sistemi risultano totalmente inappropriati, e il compositore si trova a dover affrontare repertori di suoni e tecniche che mancano di ordine e chiarezza. Il programma di ricerca musicale di Pierre Schaeffer ("Programme de la Recherche Musicale", o PROGREMU) è una risposta a questa situazione. PROGREMU si compone di cinque tappe interdipendenti con le quali la composizione musicale che utilizza la tecnologia può essere studiata sistematicamente. I suoni registrati possono essere classificati e descritti secondo la percezione che si ricava dalle loro caratteristiche. Queste procedure facilitano l’associazione e i raggruppamento degli oggetti sonori e, potenzialmente, la messa in evidenza di qualsiasi caratteristica come articolazione principale della struttura; ma possono venire anche identificate alcune funzioni indipendenti. Il medium elettroacustico induce a rivalutare queste funzioni e le relazioni tra gli oggetti sonori. PROGREMU elabora e fa evolvere, anziché escludere, le attività tradizionali già sistematizzate.

PROGREMU comprende un sistema di cinque tappe interdipendenti: la tipologia (typologie), la morfologia (morphologie), la caratterologia (caractérologie), l’analisi (analyse) e la sintesi (synthèse). Attraverso la tipologia e la morfologia, gli oggetti sonori vengono isolati dal loro contesto, classificati e descritti. Questa è la tappa tassonomicamente più dettagliata del programma. Inoltre, in accordo con la caratterologia, i suoni possono essere raggruppati in “generi” e, attraverso l’analisi, può venire valutato il loro potenziale a formare strutture musicali. Con queste informazioni, il compositore può sintetizzare nuovi oggetti sonori. Ogni tappa possiede una funzione specifica ma è sottomessa allo scopo finale: la composizione musicale. (Fonte - John Dack, Systematising the Unsystematic - Paper presented at the Arts Symposium of the International Conference for Advanced Studies in Systems Research and Cybernetics, Baden-Baden, Germany, August, 1999).

 

See also

Morphologie

,

Teoria schaefferiana

,

Tipo-morfologia

,

Tipologia

 

Bibliography:

English - Español - Français - Deutch - Italiano

Alphabetical order - Chronological order

Dack, John (1998b). Systematising the Unsystematic
Dack, John (2002a). Histories and Ideologies of Synthesis
Dack, John (2003c). Ear-training using the computer and PROGREMU
Palombini, Carlos (1993b). Pierre Schaeffer’s Typo-Morphology of Sonic Objects

 

Top