Psicoacustica

Disciplines of Study [DoS]  ]

La psicoacustica è lo studio delle relazioni tra i suoni e la loro interpretazione da parte del cervello. Se fino a poco tempo fa le ricerche si sono concentrate sul comportamento del sistema uditivo periferico, attualmente esse indagano i dettagli del processo cognitivo.

La disciplina nasce come branca della psicofisica, poiché è interessata alla relazione tra gli stimoli sensoriali in entrata e la risposta comportamentale o psicologica che questi provocano. Poiché le risposte analizzate variano a seconda degli individui, la statistica è utilizzata come strumento più efficace. La psicoacustica tradizionale si suddivide in molte direzioni di ricerca tra cui la percezione delle altezze, dell’intensità, del volume e del timbro. Con lo studio delle opere contemporanee, fa spesso appello a concetti di livello più elevato come la percezioni uditiva, il flusso e l’analisi della scena uditiva. (Fonte – Barry Truax - Handbook for Acoustic Ecology CD-ROM Edition. Cambridge Street Publishing, 1999 - CSR-CDR 9901).

Con questo termine si identifica lo studio della relazione tra i suoni e la loro interpretazione data dal cervello. In passato la psicoacustica ha dedicato più attenzione al comportamento del sistema uditivo periferico piuttosto che ai dettagli del processo cognitivo. La psicoacustica raccoglie oggi le competenze dell’acustica e della psicologia poiché mette in relazione gli stimoli sensoriali ed il risultato a livello psicologico e comportamentale che essi provocano.

 

Bibliography:

English - Español - Français - Deutch - Italiano

Alphabetical order - Chronological order

1-60 | 61-120 | 121-122 | >> 60 next

Doati, Roberto, Vidolin, Alvise (1986). Nuova Atlantide. Il continente della musica elettronica 1900-1986
RISSET, Jean-Claude (1986b). Arte e scienza: musica elettroacustica numerica
TAMBURINI, Alessandro (1988). Il calcolatore e la musica : informatica musicale, compositore e pubblico

 

Subsections

Top