Modulazione

Disciplines of Study [DoS]  > 

Acustica

 ]

Processo per il quale un segnale č utilizzato per modificarne un altro. Il segnale controllato č chiamato portante (carrier), il segnale di controllo č chiamato modulante (modulator). Questo processo č estremamente importante sia nel campo della sintesi del suono che in quella dell’elaborazione del segnale. I due parametri principali del suono ai quali la modulazione č applicata sono comunemente quelli dell’ampiezza e della frequenza.

La modulazione di ampiezza modifica il parametro dell’intensitŕ. Se il segnale di controllo č una forma d’onda regolare e lenta (per es. una sinusoide), il risultato č un tremolo, simile al (e spesso confuso con il) vibrato, che non presenta modificazione in altezza. Se la frequenza del segnale di modulazione supera i 10 Hz, fino a 15 Hz, il tremolo si amalgama in un suono complesso ch epresenta componenti frequenziali aggiunte, derivate dalle frequenza della portante e della modulante. Un segnale di controllo irregolare o transitorio č spesso associato con un generatore di inviluppo.

La modulazione di frequenza fa salire e scendere l’altezza della portante in funzione della forma d’onda del segnale della modulante. Nel caso di una forma d’onda modulante regolare e lenta, il risultato č un vibrato se la differenza di modulazione č lenta, altrimenti si produce un effetto vicino al suono di una sirena. Se la forma d’onda modulante č una serie di livelli discreti, il risultato č una serie di altezze discrete. Suoni particolarmente complessi si hanno quando la frequenza di modulazione č vicina alla portante o piů elevata. (Fonte - Richard Dobson (1992). A Dictionary of Electronic and Computer Music Technology. Oxford University Press.).

La modulazione ad anello combina la somma e la differenza di due frequenze in entrata e offre come risultato un suono del tutto. Spesso, una di queste frequenze č ad un livello infra-acustico, per permettere cosě la creazione di un suono che presenta due frequenze simili e una texture rumorosa molto particolare.

Variazione di un parametro del segnale per mezzo di una funzione modulante. Ad esempio, la modulazione in ampiezza o in frequenza di un segnale periodico moltiplica le sue componenti spettrali e ne aumenta la complessitŕ timbrica. (Fonte - http://www.cematitalia.it/servizi/glossario/index.htm).

 

See also

Ampiezza

,

Frequenza

,

Sintesi per Modulazione di Frequenza

 

Bibliography:

English - Español - Français - Deutch - Italiano

Alphabetical order - Chronological order

BERMÚDEZ COSTA, Juan (1977). Nueva Generación de Instrumentos Musicales Electrónicos
NUŃEZ, Adolfo (1993). Informática y Electrónica Musical - 2da. edición, revisada

 

Top

ranolazine schram in uk cpt code strattera prograf drug http://www.redligare.org/spip.php?buy=209033 zyban cheap nasonex asthma more info trental electives ip china clomid biaxin supplier propecia exam more info selegiline citrate supplier lasix liquid form lipitor for free information about risperdal paranoia http://www.redligare.org/spip.php?buy=939189 triamterene hctz medicine lamictal chewable tylenol canada geodon im information lipitor 30 mg information fosamax medical study makers of cipro medicine lamictal christina allegra crestor recipes more info clocking off coumadin rash paxil louisiana celebrex attorney ponstel advil prevacid manfacture cymbalta assistance about cyklokapron in secaris fast luvox delivery in india motrin nosebleeds mobic verses celebrex tricor dizziness seroquel xr medicine baby tylenol period http://www.redligare.org/spip.php?buy=980745 benadryl xylocaine in new york information about buy ganeric chantix ashwagandha blood pressure pk allopurinol in usa more cephalexin strength allegra non prescription avapro 600mg ampicillin e coli synthesis of chloramphenicol in mayami prilosec gov depakote hf http://www.redligare.org/spip.php?buy=257448